iPhone: e c’è chi lo chiama ancora telefono…

 

Scopro oggi, via Engadget, che la società iHealth, già produttrice di un sistema per monitorare la pressione sanguigna con iPhone (recentemente diventato anche wireless),

ha presentato al CES di Las Vegas, un accessorio per iPhone capace di misurare la glicemia.

Vi ricordate quando uscì il telefono targato Apple, la pletora di detrattori che pontificava:

“…non ha il copia/incolla…

“…non può mandare gli MMS…

“…non puoi scambiarti le foto con il Bluetooth…

 

E c’è chi lo chiama ancora telefono, anzi… telefonino

Annunci

Kindle Fire?! No, grazie!

Preferisco l’iPad.

Ma la mia è un’affermazione di parte, poco obiettiva.

La mia…, ma non quella di Jacob Nielsen.

Si pensava che il Kindle avrebbe rappresentato una specie di requiem per l’iPad, ma a quanto pare non è così.

Riassumendo, parte dei problemi lamentati sono:

  1. Inadeguatezza delle dimensioni dello schermo cui conseguono “tap” indesiderati e difficoltà a centrare il pulsante o la stringa dove scrivere. E a Cupertino sono proprio così imbecilli se hanno scelto dimensioni maggiori?!?
  2. Peso: forse solo Popeye  riuscirebbe a usarlo per lungo tempo senza stancarsi…
  3. Scarsa reattività anche i risposta ai comandi
  4. Riviste adattate allo schermo del Kindle latitano al momento
  5. …possono bastare questi! Tanto non lo compro, soprattutto in previsione di iPad 3 fra qualche mese 😉

cito:

Kindle Fire offre una deludente esperienza d’uso

Black Friday (25 novembre) 2011

 

Il Black Friday (Venerdì Nero)  è una giornata particolare  negli USA:  si tratta di del venerdì che segue  immediatamente il Giorno del Ringraziamento (il 4° giovedì di novembre).

È importante perché costituisce una specie di misuratore delle intenzioni di spesa dei consumatori durante il successivo periodo natalizio, rappresentando il kickoff di spesa  per la stagione di regali che si sta avvicinando.

Ed è importante anche per i consumatori perché molte aziende propongono sconti vantaggiosi.

Anche Apple propone una giornata di shopping speciale

Come sarà il Black Friday in questo periodo di recessione per le economie occidentali?

E tu hai intenzione di comprare qualcosa?

PS Curiosità sull’origine dell’espressione Black Friday:

1. il termine Black Friday deriverebbe dall’eccessivo traffico automobilistico nelle grandi città, a causa dell’enorme mobilitazione di cittadini in cerca dell’affare del giorno.

2. il termine Black Friday deriverebbe dall’aspetto cromatico delle scritture nei libri contabili dei commercianti. Classicamente i libri contabili sono scritti in rosso in caso di perdita e in nero in caso di guadagni. Considerando la tendenza a spendere propria di questo venerdì, si inizierebbe un proficuo periodo per i venditori, tale da far virare dal rosso al nero le proprie scritture contabili.

Ne conosci qualcun’altra? Condividila con me

mauro

Lion e Spaces

Ho aggiornato a Lion dal primo giorno d’uscita, ma l’ho fatto solo sul mio MacBook Air.

Sono uno dei fortunati 😉 che non si lamenta del nuovo sistema operativo, anzi…, nonostante i 2GB di memoria e la (attuale) scarsa potenza del MacBook Air prima serie, devo dire che sopporta egregiamente lo sforzo, con minime e rare apparizioni della c.d death wheel. Però in tutta onestà, non riuscivo a digerire la mancata possibilità di aumentare le scrivanie con Spaces, funzione che adoravo in Snow Leopard.

Me ne ero fatto una ragione, anche se non riuscivo a capacitarmi di come Steve Jobs avesse eliminato una sì utile funzione.

Perché uso l’imperfetto? Perché da qualche giorno ho aggiornato anche il mio iMac 27″ e ho scoperto casualmente la possibilità di aumentare il numero di scrivanie anche in Lion.

Come? E’ di una semplicità imbarazzante: grazie al tasto alt.

Infatti, quando si è in Mission Control, basta premere il tasto opzione/alt ed ecco a voi comparire, timidamente, nell’angolo in alto a destra, un’ulteriore scrivania con un tasto “+”, pronta per essere selezionata ed aggiunta, lasciare lo spazio ad un’ulteriore scrivania.

Mission control senza “alt

Mission control con “alt” (oppure spostando il mouse verso l’angolo in alto a destra… quest’ultimo l’ho scoperto mentre scrivevo questo articolo!!!)

Condivido questa “banale” scoperta con voi.

Ciao, mauro

di mauromastro Inviato su Apple Contrassegnato da tag ,

iTunes 10.5.1… Apple condona

E’ disponibile la versione 5.0.1 di iTunes per Mac OS 10.5 e superiori (Leopard, Snow Leopard e Lion).

La novità più importante di questa release è rappresentata da iTunes Match, funzione che ci permetterà di archiviare nella nuvoletta iCloud,  la nostra intera collezione musicale digitale (non mi piace chiamarla libreria musicale, perché secondo me è una scorretta traduzione dell’anglofono “libraryche significa propriamente collezione), sia i brani scaricati da iTunes store, sia i brani importati dai propri CD, vinili o quant’altro…, affinché tutti possano essere riprodotti ed ascoltati su qualunque nostro iCoso (iPod, iPhone, iPad, Apple TV, computer fissi o portatili).

Come? pensi che sia un condono? e benedetto dalle Majors pure?

se non puoi batterli, unisciti a loro

L’aggiornamento si ottiene in automatico tramite aggiornamento software o a questo link

http://appldnld.apple.com/iTunes10/041-3230.20111114.bNft5/iTunes10.5.1.dmg

Buon download.